REGGIO EMILIA – La notizia della sua scomparsa è trapelata a una settimana di distanza. Quasi a confermare che anche nel momento più brutto, il suo carattere schivo e orgoglioso lontano da ogni ruffianeria volesse far passare sotto traccia la notizia.

Bruno Giorgi

Bruno Giorgi

Bruno Giorgi, allenatore pavese che ha lavorato a Bergamo dal 1990 al 1992, si è spento il 22 settembre scorso nella casa di cura Villa Belvedere, vicino a Reggio Emilia. A due mesi dal settantesimo compleanno, un male incurabile lo ha portsato via ai suoi cari e nel momento del ricordo sono in tanti a poter parlare di lui.

L’uomo che lanciò Baggio a Vicenza e s’inventò libero Stromberg, a Bergamo viene ricordato anche per il lavoro con Evair e Caniggia che furono solo due gemme di una carriera da tecnico durata ben vent’anni.

A margine della visita a Zingonia di Arrigo Sacchi, il patron nerazzurro Antonio Percassi ha voluto ricordarlo con parole semplici e sincere che potere vedere nel video realizzato da Bergamosera.

Fabio Gennari

Scrivi un commento

*