REGGIO CALABRIA — Secondo dramma in pochi mesi che vede coinvolte strutture da palcoscenico. Dopo il crollo del palco di Jovanotti a Trieste, costato la vita a Francesco Pinna, stavolta ad avere la peggio è stato un operaio morto a causa del cedimento della struttura che stasera avrebbe dovuto ospitare il concerto di Laura Pausini al Palacalafiore di Reggio Calabria.

La vittima è un operaio di 31 anni, Matteo Armelini, di Roma. Un cedimento strutturale ha fatto crollare e scivolare la struttura metallica sovrastante il palco, che si è abbattuta sulle gradinate e su alcuni operai intenti a fissare le illuminazioni aeree. Colpito in pieno uno degli operai, che è morto sul colpo. Gli altri, rimasti feriti in maniera non grave, sono stati portati in ospedale.

Il palco è stato subito posto sotto sequestro, mentre vigili del fuoco e polizia stanno cercando di capire le cause del cedimento.

Scrivi un commento

*