NEW YORK, Usa — Con una partita durata quasi cinque ore il tennista scozzese Andy Murray si è aggiudicato gli Us Open battendo in finale Novak Djokovic.

La partita si è risolta al quinto set ed è terminata con il punteggio di 7-6, 7-5, 2-6, 3-6, 6-2 a favore dello scozzese, al suo primo titolo del Grande Slam dopo la finale di Wimbledon persa contro Roger Federer e l’oro alle Olimpiadi di Londra.

E’ stato match molto combattuto. Quattro ore e 54 minuti di tennis ad altissimo livello. E il primo titolo importante per Murray dopo cinque finale del Grande Slam perse. Un titolo arrivato anche grazie al supporto del suo nuovo allenatore: l’ex stella del tennis mondiale Ivan Lendl, otto titoli dello Slam alle spalle.

Murray ieri è stato aggressivo fin dall’inizio e, nonostante il vento e il freddo che imperversavano su Flushing Meadows, è riuscito a piazzare colpi spettacolari.

Dopo essere stato in vantaggio per due set a zero, lo scozzese però ha dovuto subire la rimonta del serbo, come nelle sue caratteristiche mai domo. Djokovic si è riavvicinato al tennis di livello espresso nelle scorse edizioni degli Us Open ed è riuscito a portare Murray al quinto set.

“Dopo il terzo e il quarto set, è stata dura mentalmente per me”, ha detto Murray. “Non so come sono riuscito a concludere questa partita”

Al termine del match Djokovic si è complimentato con l’avversario. “Voglio congratularmi con Andy per il suo primo Grande Slam, se lo merita assolutamente”, ha detto. “Ho davvero fatto del mio meglio. Ho dato tutto quello che avevo ed è stato un altro match di grande livello” ha concluso il serbo.

Scrivi un commento

*