MILANO — Uscirà nelle sale cinematografiche il prossimo 13 dicembre, ma sta già facendo parlare molto di sé il nuovo film “Lo hobbit”, prequel della saga del “Signore degli anelli” di Tolkien. Il film sarà il primo kolossal girato con una speciale macchina da presa al doppio dei fotogrammi normali (48 invece che 24). Il che ha creato qualche malessere fra le persone che hanno assistito all’anteprima del film, per la vista troppo sollecitata dalle nuove riprese.

Il film sbarcherà nelle sale dopo dieci anni di attesa. Il primo episodio della nuova trilogia, scritta da Fran Walsh, Peter Jackson, Philippa Boyens e Guillermo del Toro, racconta il viaggio del protagonista Bilbo Baggins per reclamare il regno di Erebor, governato dal terribile drago Smaug. Avvicinato dal mago Gandalf il Grigio, Bilbo si ritrova al seguito di tredici nani capeggiati dal leggendario guerriero Thorin Scudodiquercia.

Terre inospitali e pericolose, goblin, orchi e lupi mannari… C’è di tutto. La meta è l’Est, le aride Montagne Nebbiose, ma prima Bilbo e gli altri dovranno sottrarsi ai tunnel dei goblin, dove incontreranno una creatura che gli cambierà la vita per sempre: Gollum.

Il cast al completo è sbarcato a Wellington con un aereo personalizzato dalla compagnia di bandiera neozelandese e nella capitale, che ha cambiato nome per l’occasione in «Cuore della Terra di Mezzo», migliaia di persone hanno fatto di tutto per aggiudicarsi una foto o un autografo di Martin Freeman, Hugo Weaving, Cate Blanchett o Elijah Wood.

Scrivi un commento

*