BERGAMO — L’edilizia resta uno dei settori trainanti dell’economia bergamasca. Alla vigili di Edil 2013, la fiera del settore che si terrà dal 4 al 7 aprile prossimo al polo fieristico di via Lunga a Bergamo, il presidente dell’Associazione Artigiani Angelo Carrara fa l’analisi della situazione delle imprese bergamasche e assicura: “L’edilizia del futuro deve puntare sull’innovazione e su un generale ridimensionamento”.

Il settore delle costruzioni riguarda oltre il 50 per cento delle piccole imprese bergamasche. “La fiera dell’edilizia – spiega Carrara – è il gioiello attraverso il quale mettere in mostra la nostra capacità imprenditoriale”.

La crisi si è fatta sentire pesantemente anche su questo settore. Per la prima volta l’edilizia fa segnare numeri in controtendenza rispetto alla crescita storica. “E’ importante innovare – continua Carrara -. Certo è che l’edilizia non sarà più il settore anticiclico in grado di assorbire l’eccedenza di manodopera di altri settori”.

“Bisognerà pensare a una riqualificazione delle imprese, a un ridimensionamento, a una nuova ottica del recupero del riuso, del risparmio energetico e della riqualificazione degli edifici, in armonia con l’ambiente, e puntare sulla qualità del vivere”, conclude il presidente degli Artigiani.

Scrivi un commento

*